Detti, proverbi ed indovinelli

(Fjalë të thëna, t’urta edhe t’errëta)

Frasi augurali

1- Rrofç sa buka e vera!
Possa tu vivere quanto il pane ed il vino!

2- Me shëndetë një milë vjet!
Con salute mille anni!

3- Fjurirç si dejti!
Possa tu fiorire come il mare! (che la tua vita possa essere piena di ricchezze così come il mare è pieno di tesori che custodisce).

4- Një mil vjet ndër të bardha!
Mille anni dei più felici! (recitato durante un brindisi).

Frasi malaugurali

1- Rrafç tek më i madhi fos!
Possa tu cadere nel più grande baratro!

2- Çë të marçin dielëzit!
Che tu possa essere trascinato via dai diavoli!

3- Të hëngëçin krimbat!
Che ti possano mangiare i vermi!

Frasi ironiche

1- Fjit kur bën pishë pula
Parla quando orina la gallina (utilizzata per far tacere la persona perché come è noto la gallina non orina).

2- Të zu përpita si pulave
Ti ha colpito la pipita come succede alle galline (riferito ad una persona logorroica).

Motti di derisione

1- Është i bukur si qifti
E’ bello come il nibbio (la persona viene paragonata ad un uccello rapace)

2- Mënd e piç tek një qelq me uji
Puoi berlo in un bicchiere d’acqua (riferito a persone ingenue)

3- Fjurirç si lule kungulli
Possa tu fiorire come un fiore di zucca (fiore considerato di poco conto)

Frasi di disprezzo

1- Bin e villinj ka krahet
Mi fai vomitare dalle spalle (riferito a qualcuno che ci disgusta)

Motti atti a scacciare il malocchio

1- Vaft te fundi dejti!
Finisca in fondo al mare!

Detti sulla pastorizia

1- Një më bëhet dele e më ulku e ha
Uno più si fa pecora e più il lupo la mangia

2- Me rrëndtë pikset djathë
Con il caglio si coagula il formaggio

3- Vete si lëkurë dashi
Va come pelle di montone (si dice di uno che si sacrifica molto)

4- Mos u bë dele se ulku të ha
Non ti fare pecora perché il lupo ti mangia

Proverbi (fjalë t’urta)

1- Gjiza e gjiton duket më e bardh
La ricotta del vicino è sempre più bianca (come l’erba del vicino è sempre più verde)

2- E dy luga çë ka poçja
Il cucchiaio sa cosa c’è in pentola

3- Zogu i lasht ka mish e asht
L’uccello maturo ha la carne e le ossa (come gallina vecchia fa buon brodo)

4- Ngjat këmbët sa ke shtratin
Stendi i piedi per quanto lungo hai il letto (ovvero misurati nelle tue cose)

5- Thesi i mbrazet nëng rri shtuera
Il sacco vuoto non sta in piedi (la persona denutrita non riesce a stare in piedi)

6- Tek nget pjaku del gjaku
Laddove tocca l’anziano lì esce il sangue (la vecchiaia è sinonimo di saggezza)

7- Buka e dërsitur është më e ëmbel
Il pane sudato è più dolce (il pane ottenuto tramite i sudori è più saporito)

8- Vera dhrisë është gjaku e pjeqërise
Il vino della vite è il sangue della vecchiaia (…………………..)

9- Mbullihet një derë e hapet një purtun
Si chiude una porta e si apre un portone (……………………)

10- Një pikë uji çan një gur
Una goccia d’acqua rompe una pietra (si può avere la meglio sui più forti o nelle situazioni più difficili grazie alla pazienza ed alla perseveranza)

11- Nga urë ka kamnoi e tij
Ogni tizzone ha il proprio fumo (ogni causa ha il suo effetto)

Indovinelli (fjalë t’errëta)

1- Jam e veshur me njëzet linj mos më xhesh se bin e qan
Sono vestita con venti sottovesti, non mi spogliare che ti faccio piangere

Qepa (la cipolla)

2- Jan tri vëllezer: një ha, një fjë, një iken e s’mbijdhet më
Ci sono tre fratelli: uno mangia, uno dorme, uno fugge e non fa più ritorno

Zijarri (il fuoco: il legno, la brace ed il fumo)

3- Lesh mbi lesh ngrëi këmben se te kllas
Pelo su pelo alza il piede che te lo infilo

Çaluciet (il calzino)

4- Nëng ka grjkë e fjet, nëng ka këmbë e nget
Non ha bocca e parla, non ha piedi e cammina

Lëpusha (la lettera)

5- Është një poçe me shtatë vëra
E’ una pignatta con sette buchi

Kryet (la testa)

Favola (përrallë)

Il re con le orecchie d’asino

C’era una volta un re: ogni giorno un barbiere andava a fargli la barba.
Erano molti anni che ci andava sempre quel barbiere, ma non si era mai accorto che il re aveva le orecchie d’asino.
Questo perché il re teneva in testa un fazzoletto affinché nessuno gli potesse vedere le orecchie.
Un giorno però il barbiere, mentre gli faceva la barba, vide che aveva le orecchie d’asino.Tutto meravigliato esclamò:
«Oh, maestà!»
«Che cosa c’è? Che cosa hai visto? Mi hai visto le orecchie? Se adesso lo si saprà, ti farò ammazzare, perché ora sei il solo che lo sa».
«No, no, non lo dirò!»
Finì di fare la barba e se ne andò. Andò a casa ma non riusciva a trovare pace, perché pensava alle orecchie del re.
«E intanto se dico qualcosa mi ammazza! Come devo fare?»
Prese e andò in campagna

Bibliografia:

NOVELLISTICA ITALO-ALBANESE II, Firenze 1970, pp. 47sg.F

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>