DVD: “Moti ç’ ish në herë”

Molte sono le persone che non hanno avuto l’irripetibile privilegio di poter vivere in una gjitonia, il vicinato eve di consumava la vita quotidiana nelle comunità arberesh. I bambini si incontrano per giocare insieme e le mamme, affacendate negli impegni quotidiani, non perdono occasione per raccontar loro favole, canzoni e proverbi …
il gustoso profumo dei dolci appena sfornati inebria nell’aria, mentre da lontano si ode un dolce canto:è la dichiarazione che un giovane fa alla sua amata… La riproduzione folkloristica è volta così a ricordare un’identità etnico linguistica, che si fissa nella coscienza della nostra comunità … Dimostrazione di ciò che eravamo e siamo oggi, fiamma che arde nei nostri cuori, storia passata ma oggi più che mai importante.

Costo: 10 €

Richiedi qui:

gruppofolk.shqiponjat@gmail.com
Tel. 348-2669539

Santa Sofia D’Epiro

Fonte: http://www.riservetarsiacrati.it

E’ il primo itinerario presilano del versante destro della bassa valle del Crati. L’origine del paese è antichissima, precedente alla venuta degli albanesi che ripopolarono la zona alla fine del secolo XV. Sarebbe stata fondata nel lontano 896 durante le incursioni in Calabria dei Greci, alleati con i Saraceni. Il paese appartenente al principe di Bisignano e poi ai Vezze, nel 1576 passò ai Milizia. Tra i personaggi illustri ricordiamo: Pasquale Baffi (1747-1800), grecista, paleografo, umanista di fama europea; Angelo Masci, giurista e consigliere di Stato nel 1820, autore del celebre “Discorso sull’origine, i costumi e lo stato attuale degli Albanesi nel Regno di Napoli”; Francesco Bugliari (1742-1806), vescovo.

Continua a leggere…